venerdì 16 febbraio 2007

I polli non muoiono solo per l'aviaria ...

Cina, gennaio 2006.

Fonti attendibili ci riportano una vicenda a dir poco singolare. In un piccolo paesino nei pressi di Wuhan pare che un bambino, spaventato da un cane (che non è accertato se stesse abbaiando o fosse solamente molto brutto) sia salito sul davanzale della finestra di una abitazione iniziando ad urlare a squarcia gola.
Urla che ti riurla, la sinfonia è durata per più di 10 minuti provocando così la morte di oltre 200 polli che si trovavano rinchiusi in un recinto nelle vicinanze. Tali polli per la confusione hanno cominciato a correre all'impazzata calpestandosi l'uno con l'altro (testimoni sostengono di aver sentito anche un lancio violento di offese tra i volatili prima che avesse inizio il panico...).
Il padre del bambino pare sia stato condannato a risarcire il proprietario del danno subito.

1 commento:

Dix ha detto...

Menomale che le vibraziani non vanno a cantare a Wuhan..........se no altro che moria di polli........sai che risarcimenti dovrebbero pagare!!!