giovedì 13 settembre 2007

La formica e la cicala

Conosciamo tutti questa favola vero?
Beh, in effetti le cose andarono diversamente...

C'era una volta una formichina e una cicala che erano molto amiche.
Durante tutto l'autunno la formichina lavorò senza riposo, raccogliendo cibo per l'inverno.
Non si gustò il sole, nè la dolce brezza della sera, nè le chiacchiere con gli amici davanti ad una birretta dopo un giorno di lavoro.
Nel frattempo, la cicala cantava con gli amici nei bar della città, non sprecando nemmeno un minuto.
Cantò tutto l'autunno, ballò, si godette il sole, senza preoccuparsi del maltempo che stava arrivando.
Dopo alcuni giorni arrivò il freddo e la formichina, esausta di tanto lavorare, si mise nella sua tana, povera ma piena fino al tetto di cibo.
Ma qualcuno la chiamò per nome da fuori, e quando aprì la porta ebbe una grossa sorpresa, vedendo la sua amica cicala in una Ferrari nuova fiammante, con una bellissima pelliccia indosso.
La cicala disse: "Ciao amica! Vado a passare l'inverno a Parigi! Potresti dare un'occhiata alla mia casetta?"
La formichina rispose: "Certo! Senza problemi! Ma che ti è successo? Dove hai trovato i soldi per andare a Parigi, comprare la Ferrari, e anche una pelliccia così bella e cara?"
E la cicala spiegò: "Guarda, stavo cantando in un bar la settimana passata, e ad un produttore è piaciuta la mia voce... Ho firmato un contratto per degli show a Parigi. A proposito: ti serve niente di là?"
"" disse la formichina. "Se incontri La Fontaine (autore della favola originale) MANDALO AFFANCULO DA PARTE MIA"

5 commenti:

Illo ha detto...

Ci sono delle cose che non ho capito:
1) come fa una cicala a guidare una Ferrari? Come arriva ai pedali?
2)Perché la formica riemie la casa di cibo fino al soffitto? Arriva l'inverno o una catastrofe naturale? Il cibo non va a male? Ha preso tutta roba a lunga conservazione?
3) Se la cicava va a Parigi tutto l'inverno, perché la casa non la affitta? La tiene sfitta per una stagione? Magari uso foresteria.
4) Ma La Fontaine ... non è morto? Ma da quando ci si accanisce con gli estinti?
... che brutto Mondo.

Nunziatella ha detto...

Le cicale trovano sempre il modo di spillare soldi in giro...

Nadia ha detto...

Devo dire che le domande di Illo hanno senso!!!
Scusa eh!?
Questa storiella non è verosimile, ma soprattutto se riempie la casa di cibo fino al soffitto, lei dove dorme?
Io non mi daro' pace fino a quando non saprò che la formichina è al sicuro!!!

Il Greco ha detto...

Illo! ...la Ferrari, dipende dai modelli, ha il cambio al volante.
Io e te, che annoveriamo tra il nostro parco macchine un paio di Scaglietti, una GTO, una F40 e una Enzo, lo sappiamo bene.

Il Greco ha detto...

Nadia, ti ringraziamo per l'educata e premurosa preoccupazione.
Ma vedi, Jean de La Fontaine, nato a Château-Thierry l'8 luglio 1621 ci risulta essere morto a Parigi il 13 aprile 1695.
...beh, dubito che tale formica sia ancora viva...
Sai quanto vive una formica? Qualche mese. Segue un effimero destino.
Alla fine dell’estate la formica ha conseguito in bilancio un utile di esercizio esemplare con lo stato patrimoniale sospinto alle stelle da scorte di magazzino e beni ammortizzabili. Poi crepa!
E’ ben vero che grazie alle riserve saggiamente incrementate il formicaio prospererà e da ciò ne trarranno beneficio le generazioni future… Però, pensa: se poi le formiche che verranno continuano a comportarsi così, senza cambiare almeno un po’ lo stile di vita, quando mai una di loro potrà conoscere i sottili e nobili piaceri suggeriti da quello che i nostri antichi romani definivano Otium?